Mostra antologica del pittore Emilio De Brevi

Cultura
11/12/2017

Si comunica che nella Sede UNIDuevalli di Serravalle Scrivia - Via Berthoud 60 - dal 17 Dicembre 2017 al 7 Gennaio 2018 si terrà la mostra del pittore Emilio De Brevi, promossa dal Comune di Serravalle Scrivia, l'Associazione Amici dell'Arte e l'UNIDuevalli, coordinata dal figlio del pittore Marco De Brevi.

L'inaugurazione si terrà il 17 Dicembre alle ore 11.00 preceduta dalla presentazione della mostra stessa alle ore 10.00.

locandina

"A distanza di quindici anni dall'ultima mostra di Emilio De Brevi, che si svolse nel 2002 per inaugurare la Biblioteca Comunale, abbiamo pensato che fosse importante per i serravallesi ricordarsi di un importante pittore della loro città, del quale Marcello Venturi disse: 'mentre io stavo realizzando il neorealismo in letteratura, Emilio lo stava esprimendo con la pittura' ". Così Marco De Brevi, figlio del pittore e curatore dell'esposizione. 

Da questa esigenza nasce la mostra antologica del pittore Emilio De Brevi, che si terrà dal 17 dicembre 2017 al 7 gennaio 2018, presso le sale dell'Ex Caffè Roma in via Berthoud n. 60, a Serravalle Scrivia. La mostra, che è patrocinata dal Comune di Serravalle Scrivia, è organizzata in collaborazione con l'associazione "Amici dell'Arte di Serravalle Scrivia" e l'associazione '"UNIDue Valli" Borbera e Scrivia. 

"L'intento di questa mostra -ha detto il sindaco Alberto Carbone- è quello di onorare il ricordo di un grande pittore e poeta, Emilio De Brevi, e il suo legame con il nostro territorio, il nostro paese dove l'artista, pur non serravallese di nascita, si sentiva a casa. Un lavoro svolto con l'intenzione, da parte dell'Amministrazione Comunale, di rafforzare l'immagine di un paese che guarda con attenzione allo sviluppo culturale e alla valorizzazione delle risorse e delle specificità locali ma con slancio verso orizzonti ben più ampi. L'Amministrazione Comunale crede fermamente che la promozione di eventi di interesse culturale ed artistico sia un mezzo per contribuire allo sviluppo e al benessere della società e degli individui. La cultura può essere un potente elemento di sviluppo economico e sociale nonché il fattore più importante per la libertà delle persone". 

Emilio Dobrovich nasce a Fiume il 22 settembre 1915. Figlio di profughi ungheresi, vive a Pola fino all'età di quindici anni. Nel 1930 si trasferisce con la famiglia a Genova e il regime fascista italianizza Dobrovich in Debrevi (che Emilio spezzerà simbolicamente nella firma De Brevi).La formazione culturale e politica di Dobrovich è segnata dal legame profondissimo con la madre e dalle personalità artistiche e antifasciste che animano Genova. La cultura e lo stile di vita mitteleuropei, custoditi con determinazione dalla madre e, soprattutto, il pensiero di Antonio Gramsci e Piero Gobetti, orienteranno, per sempre, il suo percorso artistico, umano e politico. A 15 anni dipinge il primo capolavoro: unaMadonna, per la madre, ma deve rinunciare agli studi accademici. Operaio al tornio dell'Ansaldo San Giorgio, continua a dipingere solo su cartone e compensato: i colori ad olio e le tele di lino resteranno per lungo tempo un lusso. Nel dopoguerra apre una piccola officina di stampi industriali e partecipa con successo all'allestimento di stand in diverse Fiere Nazionali. Decide, però, di non proseguire l'attività di grafico pubblicitario e non farà mai della sua arte un mezzo per vivere. Intensifica la sua produzione artistica a partire dal 1972 ed espone a Serravalle, dove si è trasferito con la famiglia, Novi Ligure (Teatro Romualdo Marenco, Galleria Mario Leveni) e Tortona (Galleria L'Angolo). Pittore, scrittore e poeta, Emilio De Brevi (già Dobrovich) "è partito per altre terre" il 10 luglio 1990.

Le news del Comune di Serravalle sono disponibili anche in formato rss

Feed Rss delle News del Comune di Serravalle Scrivia

maggiori informazioni