Ambiente e natura lungo il Torrente Scrivia

La Valle Scrivia, ubicata nel settore sudorientale del Piemonte, ha origine alle spalle di Genova e rappresenta una delle incisioni più notevoli del versante settentrionale dell'Appennino Ligure. Il torrente Scrivia (l'antica "Olubria" dei romani o meglio "La" Scrivia della tradizione popolare serravallese) nasce nel Genovesato, dal monte Prelà, a 1.406 s.l.m, a sud del monte Antola.

Serravalle Scrivia - La Scrivia in zona Pian delle Botti Serravalle Scrivia - La Scrivia al ponte per Cassano Serravalle Scrivia - Lo Scrivia al Ponte del Lastrico

Sgorga col nome di "Laccetto" e bagna Torriglia per poi prendere il nome di "Laccio", all'altezza dell'omonimo paesino ligure. A Brovia, si unisce al torrente Pentemina ed assume il nome di "Scrivia", declinato al femminile nel dialetto locale "La Scrivia". Al termine di un percorso lungo 88 km, dopo aver raccolto le acque di numerosi affluenti (quali  i torrenti Spinti, Borbera, Ossona e Grue), la Scrivia sfocia nel fiume Po, poco a monte di Voghera, varcando il confine tra Piemonte e Lombardia.

Geomorfologia. Mentre il suo primo tratto è caratterizzato da un paesaggio tipicamente Appenninico, da una valle fluviale molto stretta e scoscesa, avvicinandosi alla pianura il corso d'acqua è libero di disegnare ampi meandri correndo sui suoi depositi fluviali. Dal punto di vista geomorfologico, il bacino della Scrivia va suddiviso in due settori contigui con caratteri diversi: la pianura di Alessandria che si apre in direzione nord-ovest a partire da Serravalle Scrivia ed il settore a nord-est di Tortona.

Ad est del torrente sono facilmente riconoscibili i terrazzi (colline di Tortona, Villalvernia e Cassano Spinola) e verso sud la collina di Novi Ligure. Dai 400 m s.l.m. di quest'ultima, la pianura degrada verso nord-ovest scendendo di quota dai 200 m s.l.m. di Serravalle Scrivia ai 100 m s.l.m. al confine tra i comuni di Frugarolo e Alessandria per giungere a circa 80 m s.l.m. dove la Scrivia si immette nel fiume Po.

Clima. Nel complesso il regime climatico dell'area lungo cui corre la Scrivia è di tipo continentale, caratterizzato da un solo massimo e un solo minimo per le temperature: a Tortona, il mese più freddo è gennaio, media di 1,7°C, mentre il mese più caldo è agosto con 24°C. Per le precipitazioni si ha il classico regime annuale a due massimi: sempre a Tortona si rilevano a maggio ed a novembre (99,9 mm); e due minimi che cadono a gennaio e luglio (28,7 mm).

Il regime delle portate della Scrivia è connesso a quello meteorico; i massimi e minimi, però risultano sfalsati nel tempo: massimi di portata in marzo e novembre alternati ai minimi di febbraio e agosto.

Serravalle Scrivia - Piena Torrente Scrivia Novembre 2002Idrologia. La spina dorsale della Valle Scrivia è il torrente omonimo che la percorre per tutta la lunghezza, in direzione da Sud a Nord, incidendo la pianura in modo più o meno marcato e regolando la vita dell'intero ecosistema. Dal punto di vista morfologico il torrente Scrivia presenta un alveo meandriforme di tipo intrecciato; ciò significa che, al contrario dei corsi d'acqua di notevole portata, non presenta un unico letto ampio ed uniforme, ma il suo corso si suddivide in più rami che continuamente si intersecano e si ridividono. Leggi i dati idrometrici in tempo reale della Scrivia a Serravalle.

Fauna. La popolazione ornitica della Scrivia è rappresentata da: il nitticore, le garzette, gli aironi cinerini, il rarissimo tarabuso ed il timido cavaliere d'Italia. Vanno altresì segnalati nelle zone umide ricoperte da canneti, i germani, i mestoloni, le morette. Nelle distese dalla vegetazione rada si osservano l'allodola, la cappellaccia mentre gli alberi ospitano usignoli, capinere, sterpazzole, upupe, ghiandaie e picchi. In rapida espansione sono il martin pescatore e soprattutto d'estate lungo le scarpate prive di vegetazione il gruccione.

La fauna ittica è rappresentata da specie comune quali cavedano e barbo. Negli ambienti laterali del torrente ("lanche", "morte") si segnalano cavedano, carpa, tinca, luccio e anguilla.

Vegetazione. La presenza ormai esigua di macchie boschive spontanee lungo i terreni golenali in prossimità del corso d'acqua è caratterizzata da specie quali pioppo nero, pioppo bianco e salice, ormai ampiamente sostituiti da robinia. La vegetazione naturale potenziale è rappresentata dal bosco misto avente per elemento dominante la farnia. Entravano a far parte di questa associazione il carpino bianco, il frassino maggiore, l'acero montano, l'acero campestre, l'olmo campestre, il tasso ed il tiglio nostrano. Le specie accompagnatrici del piano dominato sono: prugnolo, spincervino, biancospino oltre a corniolo, evonimo, nocciolo ed i viburni.

Serravalle Scrivia - Area Attrezzata Escursionisti Scrivia (Foto Provincia di Alessandria)Itinerari. Gli itinerari segnalati del Percorso ciclo pedonale del Torrente Scrivia (MTB Scrivia) interessano il territorio di diversi comuni della Provincia di Alessandria e si snodano lungo l'alveo del torrente Scrivia per carrarecce praticamente pianeggianti. Il fondo è complessivamente buono e ben tenuto. Passaggi particolari sono rappresentati da alcuni guadi degli affluenti della Scrivia e dall'attraversamento dei ponti delle strade statali necessari per il transito da una sponda all'altra. La pedalata lungo sentieri interessanti dal punto di vista naturalistico fa dimenticare di essere in realtà in una zona caratterizzata dalla presenza di importanti infrastrutture come autostrade, ferrovie e statali. Il percorso più lungo: da Castelnuovo Scrivia a Cassano Spinola andata e ritorno è (65 km). Grazie ai ponti della SS 10 di Tortona e quello della SP 151 di Villalvernia si possono impostare tragitti ad anello più brevi come l'Anello nr.3 da Cassano Spinola a Villalvernia (Km 14,61 a/r)

Testi tratti da www.vivitortona.it