Rischio Dissesto Idrogeologico

FranaIl meccanismo di una frana si può spiegare così: il materiale che costituisce un pendio, una scarpata o una parete rocciosa è attirato verso il basso dalla forza di gravità e rimane in quella posizione finché fattori come la natura del terreno o della roccia, la forma o il profilo del pendio e la quantità d’acqua presente lo mantengono in equilibrio.

Le cause che predispongono e determinano questi processi di destabilizzazione del versante sono molteplici, complesse e spesso combinate tra loro. Oltre alla quantità d’acqua, oppure di neve caduta, anche il disboscamento e gli incendi sono causa di frane: nei pendii boscati, infatti, le radici degli alberi consolidano il terreno e assorbono l’acqua in eccesso. L’azione dell’uomo sul territorio ha provocato e potrebbe provocare ancora in futuro eventi franosi.

FranaI territori alpini ed appenninici del Paese, ma anche quelli costieri, sono generalmente esposti a rischio di movimenti franosi, a causa della natura delle rocce e della pendenza, che possono conferire al versante una certa instabilità detta energia di rilievo.

Ricorda che in caso di frana non ci sono case o muri che possano arrestarla. Soltanto un luogo più elevato ti può dare sicurezza.

Spesso le frane si muovono in modo repentino, come le colate di fango: evita di transitare nei pressi di aree già sottoposte a movimenti del terreno, in particolar modo durante temporali o piogge violente.

Più informati, più consapevoli

Arpa Piemonte  Consulta i Bollettini di Allerta Meteo di ARPA Piemonte

Bollettini Allerta Meteo disponibili on line tutti i giorni alle ore 13. Validità 36 ore.

 


Il Rischio Dissesto Idrogeologico nel Territorio del Comune di Serravalle Scrivia

Nel territorio comunale, alcune aree, in particolare l’area a monte di via Tripoli e salita Cappellezza, denominata Castello, e l’area Colle degli Arimanni a monte ex SS. 35 dei Giovi- Località Libarna, via Gavi, sono state interessate da movimenti franosi regressi, che si sono materializzati fine anni 1970, con danni a cose e persone.
Nel territorio è altresì presente, un’area denominata Libarna, che presenta fenomeni di esondazioni e dissesti morfologici di carattere esclusivamente torrentizio.

Gli Eventi franosi del 1977
Il substrato è formato dalle “Arenarie di Serravalle”, in fascia più arenacea verso monte e più sabbiosa verso valle.
Tale fenomeno ha coinvolto la zona collinare a monte dell’abitato, creando significativi danni a cose e strutture abitative, con vittime umane (2 decessi).

(Testo estratto dal Piano Intercomunale di Protezione Civile)

 


  Norme di comportamento (fonte Dipartimento della Protezione Civile)

Prima di una frana

Contatta il tuo Comune per sapere se nel territorio nazionale sono presenti aree a rischio di frana;

Stando in condizioni di sicurezza, osserva il terreno nelle tue vicinanze per rilevare la presenza di piccole frane o di piccole variazioni del terreno: in alcuni casi, piccole modifiche della morfologia possono essere considerate precursori di eventi franosi;

In alcuni casi, prima delle frane sono visibili sui manufatti alcune lesioni e fratturazioni; alcuni muri tendono a ruotare o traslare;

Ascolta la radio o guarda la televisione per apprendere dell’emissione di eventuali avvisi di condizioni meteorologiche avverse. Anche durante e dopo l’evento è importante ascoltare la radio o guardare la televisione per conoscere l’evoluzione degli eventi;

Allontanati dai corsi d’acqua o dalle incisioni torrentizie nelle quali vi può essere la possibilità di scorrimento di colate rapide di fango.

Durante una frana

Se la frana viene verso di te o se è sotto di te, allontanati il più velocemente possibile, cercando di raggiungere un posto più elevato o stabile;

Se non è possibile scappare, rannicchiati il più possibile su te stesso e proteggi la tua testa;

Guarda sempre verso la frana facendo attenzione a pietre o ad altri oggetti che, rimbalzando, ti potrebbero colpire;

Non soffermarti sotto pali o tralicci: potrebbero crollare o cadere;

Non avvicinarti al ciglio di una frana perché è instabile;

Le frane possono spesso provocare la rottura di linee elettriche, del gas e dell’acqua, insieme all’interruzione di strade e ferrovie. Segnala eventuali interruzioni alle autorità competenti;

Nel caso di perdita di gas da un palazzo, NON entrare per chiudere il rubinetto. Verifica se vi è un interruttore generale fuori dall’abitazione ed in questo caso chiudilo. Segnala questa notizia ai Vigili del Fuoco o ad altro personale specializzato.

 


Per saperne di più...

Protezione civile  "Io non rischio". Buone pratiche di protezione civile

Protezione civile  Dipartimento della Protezione Civile – Rischio Idrogeologico